Classi AperteNovembre: mese intenso e pieno di attività tra “Compiti di realtà” e “Classi Aperte”. Dal 25 al 30 Novembre gli alunni di tutti i plessi e di tutte le classi sono stati coinvolti in attività di “classi aperte” che prevedono il consolidamento/potenziamento di Italiano e Matematica... Vittoria Di Grande

Inserire nella didattica momenti istituzionalizzati in cui gli alunni possano lavorare a classi aperte può diversificare e movimentare la vita scolastica, permettendo agli studenti di confrontarsi con altri pari e con altri docenti, diversi da quelli della propria classe, per incrementare capacità logiche e di relazione, per permettere loro di incontrare una varietà di modalità linguistiche e comportamentali e per sostenere il senso di appartenenza alla scuola che è molto di più di un insieme di classi.  Il superamento del gruppo classe può permettere diversificate occasioni di socializzazione e assicurare maggiori occasioni di formazione di gruppi di lavoro al fine di creare un ambiente scolastico inclusivo. Le classi aperte si inseriscono nel Curricolo verticale d’Istituto elaborato dalla nostra scuola che ha lo scopo di garantire continuità e organicità al percorso formativo di ciascun alunno. Anche la Scuola dell’Infanzia, con traguardi e obiettivi scelti dai Campi di esperienza e collegati alle discipline e alle relative competenze chiave, vive l’esperienza raccordandosi con la classe prima di Scuola Primaria, con attività che coinvolgono soprattutto i bambini di cinque anni. A tal fine il percorso è strutturato per bienni, al fine di garantire a tutti gli alunni una più congrua segmentazione del percorso, non circoscritto all’anno scolastico. I bienni in cui è articolato il curricolo verticale d’istituto sono i seguenti: I Biennio: classi Prima e Seconda Scuola Primaria; II Biennio: classi Terza e Quarta Scuola Primaria; III Biennio: classe Quinta Scuola Primaria e classe Prima Scuola Secondaria; IV Biennio: classi Seconda e Terza Scuola Secondaria. Anche la normativa (v. Regolamento dell’autonomia scolastica, art. 4) da anni invita all’utilizzo della modalità didattica “a classi aperte”, utile in particolare ai fini dell’inclusività scolastica. Molte possono essere le motivazioni e le occasioni per aprire le aule e far collaborare gli alunni. Classi Aperte vuole sperimentare una scuola diversa fatta principalmente di didattica laboratoriale e cooperativa: da una parte gli studenti hanno l’opportunità di conoscersi nei corsi destinati a fasce trasversali e recuperare intensivamente le lacune maturate durante il primo periodo, dall’altra hanno l’occasione di mettersi in gioco in attività di potenziamento e laboratorio in contesti umani e didattici differenti. Vittoria Di Grande

torna all'inizio del contenuto
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok