Termine presentazione istanze MAD 31/08/2020

Silvia SalisCon questa frase, che suona come un hashtag, #ilcoraggiodinonmollare#mai, si chiude l’incontro con Silvia Salis. Chi è Silvia Salis e perché l’abbiamo incontrata virtualmente? E’ una campionessa, un’ex atleta olimpionica specialista nel lancio del martello, con un palmares ricco di tante vittorie nazionali e internazionali, che vanta la partecipazione a due olimpiadi : Pechino 2008 e Londra 2012. Attualmente fa parte del consiglio della FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) ed è uno dei 77 membri del consiglio del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano)... Giusi Sestina

Ci siamo rivolti a Silvia perché in questo tempo eccezionale occorrevano interventi altrettanto eccezionali, in grado di “contattare”  emozioni e trasformare un periodo di grande incertezza in un tempo proficuo per la crescita personale di noi docenti e dei nostri alunni, mediante esempi di cooperazione ed esperienze ricche di valori “forti”. L’olimpionica ha risposto a domande sul valore dello sport, sul significato che ha il sogno a cinque cerchi per un atleta, sul ruolo che l’allenatore, educatore e figura di riferimento, ha avuto nella sua vita e in che modo ha contribuito a costruire l’atleta e la persona. Ha raccontato quanti sacrifici e a cosa ha dovuto rinunciare durante l’adolescenza per raggiungere questi risultati e come un’atleta, pronta per la sua terza olimpiade, affronta un infortunio dal punto di vista psicologico dopo mesi di allenamento, sacrifici e aspettative. E ancora, com’è stato confrontarsi con i migliori del mondo e come si gestisce l’ansia pre-gara. Ci ha fatto immergere nei ricordi della sua prima olimpiade, quella di Pechino, nelle emozioni che le ha lasciato quell’esperienza, concessa a pochi. Silvia si è rivolta ai nostri ragazzi mostrando grandi competenze specialistiche, capacità empatiche e umiltà, quest’ultima le ha permesso di affermare che  nella vita l’importante non è vincere ma partecipare con uno spirito vincente. Il prof. Giacomo Anfuso, docente di Educazione Fisica degli alunni coinvolti,  ha sollecitato domande sul tema dell’alimentazione corretta ed equilibrata, sui principi nutritivi, argomento di studio in questo terzo anno della secondaria di I grado. "I giovani”, afferma il docente, “devono abbandonare le cattive abitudini che riguardano il cibo spazzatura poichè il suo utilizzo favorisce l’insorgere dei disturbi dell’alimentazione (obesità, bulimia, anorresia) e il cattivo funzionamento dell’organismo”. Gli atleti, abbiamo commentato con Silvia, hanno un importante ruolo sociale perché rappresentano dei modelli positivi da proporre alle nuove generazioni. Ad essi i ragazzi possono ispirarsi per raggiungere un’adultità sostenibile e spendibile, basata su fondamenta solide, costruite con un lavoro personale. Infine, l’intervento spontaneo di S., che ha raccontato il suo “sogno”, ha commosso l’olimpionica, la quale si è resa disponibile a collaborare con la nostra scuola per altre iniziative. Questa bella avventura nel mondo dello sport ai massimi livelli è stata “fotografata” dal prof. Attilio Gerbino, docente di Arte presso il nostro Istituto, che ha realizzato interamente il video che potrete guardare cliccando sul seguente linK https://www.youtube.com/watch?v=PSGFsWc8KXA. Ringraziamo il nostro Dirigente Scolastico, prof. Francesco Pignataro, sempre attento ai bisogni dei nostri alunni e pronto a cogliere il valore delle proposte didattiche che arrivano dai docenti. L’incontro è stato effettuato con la collaborazione dell’artista romano pop, Salvo Ardizzone. Giusi Sestina

 
 
 Silvuia Salis 1 Silvia Salis 2
 
 Silvia Salis 3  

 

torna all'inizio del contenuto
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.